We are so sorry but this website is available only in Landscape mode. Please rotate your tablet 90 degrees right or left.
loader Caricamento in corso....

Villa Franciacorta

40 ANNI DI EMOZIONE

23.10.2018


Una cena gourmet di altissimo livello  ha sottolineato il legame fra la cucina d’autore e l’eccellenza vitivinicola. Insieme agli Chef, protagonista della serata è stata la preziosa bottiglia di EMOZIONE 40 ANNI Riserva Brut Millesimato 2008 di Villa Franciacorta, che ha dominato la scena abbinandosi grandiosamente agli straordinari piatti in menù, fra cui una “prima assoluta”: il Rossini Sbagliato, realizzato a 4 mani.

Serata straordinaria, quella di mercoledì 23 ottobre scorso, nella prestigiosa sede di Villa Franciacorta, a Monticelli Brusati. L’evento, voluto per festeggiare i primi quarant’anni dalla prima bottiglia di Emozione Brut 1978, ha avuto per protagonista un prodotto prezioso, realizzato rispettando la “ricetta” originaledi Emozione Brut (85% Chardonnay, 10 % Pinot Nero, 5% Pinot Bianco). EMOZIONE 40 ANNI  Riserva Brut Millesimato 2008 è stato presentato nel corso di una cena straordinaria, realizzata a quattro mani dagli Chef Philippe Leveillé e Stefano Cerveni. I loro piatti hanno letteralmente ammaliato gli ospiti, grazie a una ricerca talentuosa delle migliori materie prime, a tecniche raffinatissime e a presentazioni estetiche di rara eleganza. Durante la cena, gli Chef hanno presentato, in anteprima assoluta, un piatto inedito, realizzato a quattro mani: il Rossini Sbagliato, una “prima assoluta” in onore di Emozione 40 anni Riserva Brut Millesimato 2008. Una cena preziosa per celebrare un prodotto altrettanto straordinario,  presentato in una preziosa bottiglia, prodotta in numero limitato (2.920 pezzi numerati), forte di un packaging elegante e raffinatissimo, con etichetta e collare in tessuto, in un intreccio di trama e ordito con filo oro in un prezioso cofanetto da collezione. Perlage finissimo e persistente, colore cristallino e vivace, con un bouquet ricchissimo di ampie note floreali, di canditi, crosta di pane, caffè: un prodotto incredibile per stile, eleganza e raffinatezza, valori che fanno parte della storia di Villa fin dai suoi inizi, un’eccellenza che ne fa un unicum nel panorama vitivinicolo contemporaneo.

 

  La storia di Villa Franciacorta iniziata nel 1960, è stata ripercorsa durante la serata attraverso la proiezione di immagini iconiche di un percorso ricco di eventi salienti.  Dopo un breve intervento di apertura di Roberta Bianchi e di Paolo Pizziol, che hanno presentato la serata, è stata la volta del fondatore. Alessandro Bianchi, che all’età di 26 anni si innamorò del borgo di Villa  e decise di recuperarlo dal declino in cui versava. Nel suo intervento, ha accompagnato con descrizioni emozionanti  questo fascinoso viaggio attraverso il tempo. Un percorso che si è presto trasformato in una fotografia del presente, che vede l’azienda totalmente convertita al biologico e protagonista, oggi come allora, di un coraggioso e incessante processo evolutivo, nel rispetto dell’’ambiente e della sostenibilità. “La cura e l’amore per il territorio e la sua storia – ha sottolineato il fondatore Alessandro Bianchi- insieme all’attenzione totale verso il territorio e l’ambìente, hanno costruito nel tempo il successo della nostra azienda”. Alessandro Bianchi, con la figlia Roberta e il marito Paolo Pizziol, portano avanti, oggi come allora, questi valori, sostenuti dal forte legame con il proprio terroir e dai successi ottenuti. 

 

“Rinnoviamo le promesse fatte a questa terra 40 anni fa e continueremo nella sua salvaguardia e tutela valorizzando sempre più le potenzialità di questo grande terroir da veri custodi di questo Borgo incantato”, ha sottolineato Roberta Bianchi.

Le straordinarie creazioni culinarie di Philippe Leveillé, due stelle Michelin al Miramonti l’altro di Concesio (Bs) e Stefano Cerveni, una stella Michelin al Due Colombe di Borgonato di Cortefranca (Bs) hanno letteralmente stupito i presenti: due fuoriclasse della cucina a cui si sono accompagnati altrettanti fuoriclasse dell’enologia:  il Vita Nova Selezione Riserva Brut Millesimato 1993, la Cuvette Brut Millesimato 2007 e, appunto, l’Emozione 40 anni Riserva Brut Millesimato 2008. Per concludere in bellezza, Briolette Rosè Demi-Sec in abbinamento alla torta dei 40 anni ideata dal pasticcere Giovanni Cavalleri. L’ingresso trionfale della torta celebrativa dei 40 anni di Emozione ha creato un generale stupore fra gli ospiti e, come se si trattasse di una diva, ha attirato fotografi, giornalisti e blogger che si sono accalcati per riprenderla da vicino. Un dolce favoloso, per gusto e estetica, quello di Cavalleri, pensato per una grande  occasione come questa.

 

Una parte del ricavato della vendita di Emozione 40 Anni Riserva Brut Millesimato 2008 sarà destinata alla Fondazione Francesca Rava  Onlus, che da sempre aiuta l’infanzia in condizioni di disagio e povertà, in Italia e nel mondo. Un sostegno, quello di Villa, consolidato da anni di intensa collaborazione con la Fondazione Rava.

 

Roberta Bianchi e Paolo Pizziol con gli chef stellati Philippe Leveillè e Stefano CerveniEmozione 40 anni Riserva Brut Millesimato 2008




« torna all'elenco